“La verità non esiste, la vita è un palcoscenico fatto di grandi attori e di comparse”. La coppia Verdone-Giorgi in una commedia pluripremiata sullo scambio di identità, ricca di gag ed equivoci. Sergio è un imbranato venditore a domicilio che si finge un viveur amico di celebrità per far colpo su Nadia, fan sfegatata di Lucio Dalla. Ci sarà il lieto fine? La musica è firmata Dalla – Stadio.

Borotalco

Terzo film di Verdone e primo nel quale esordisce con un solo personaggio anche se caratterizzato da una doppia personalità. Nadia e Sergio non si conoscono, ma sono due giovani venditori porta a porta di enciclopedie sulla musica dal carattere diametralmente opposto. Lui è timido, impacciato e fidanzato con Rossella ma mal sopportato dal dispotico suocero. Lei è frizzante e simpatica e vive con l’amica Valeria. E’ fidanzata con Cristiano e nutre un amore folle per il cantante Lucio Dalla. Nadia e Sergio si danno appuntamento da un cliente, un certo Fantoni, ma è Sergio ad arrivare per primo perché Nadia si ferma al botteghino a comprare i biglietti per il concerto di Dalla. L’uomo, Manuel Fantoni, è un playboy che millanta numerose amicizie nel mondo del cinema e della musica, di cui ostenta fotografie sparse in tutta la casa. Tra una chiacchera e l’altra, confida ridendo a Sergio che si tratta solo di frottole che ama raccontare per abitudine, noia e necessità. Ad un certo punto nell’appartamento irrompono i Carabinieri per prendere Manuel, il cui vero nome è Cesare Cuticchia, e portarlo in commissariato con l’accusa di truffa. Sergio si ritrova solo nell’appartamento e quando poco dopo arriva Nadia decide di spacciarsi per Manuel Fantoni e, scoperto che la ragazza è una fan sfegatata di Lucio Dalla, le confida che il cantante è un suo grande amico. I due giovani iniziano a frequentarsi ma presto si presentano le prime complicazioni perché la fidanzata e il suocero di Sergio si insospettiscono delle sue continue assenze. Riuscirà a districarsi nel labirinto delle menzogne che si è inventato? Riuscirà a svelare a Nadia la sua vera identità? Premiato con 5 David di Donatello e 2 Nastri d'argento.

Data di uscita:

1982