1987

Una commedia scritta, diretta ed interpretata da Massimo Troisi sulle note di Pino Daniele. Nel cast anche Marco Messeri, Jo Champa e Massimo Bonetti. Anni ‘20, Italia fascista. La storia dell'amore travagliato tra Camillo, malato psicosomatico affetto da paralisi alle gambe per pene d’amore, e Vittoria, la ragazza francese che l'ha lasciato per sposare un altro. Andrà diversamente.

Le vie del Signore sono finite

Vincitore di un Nastro d'argento per la sceneggiatura, una commedia scritta, diretta ed interpretata da Massimo Troisi sulle note di Pino Daniele. Nel cast troviamo Marco Messeri, già presente in Ricomincio da tre, Jo Champa e Massimo Bonetti.  Anni ‘20 paese di Acquasalubre, Italia fascista. La storia di un amore travagliato tra Camillo, malato psicosomatico, e Vittoria, una ragazza francese che sta per sposare un altro. Il medico curante è convinto che l'amore finito sia la causa della paralisi alle gambe del giovane che nel suo inconscio finge di essere malato per attirare l'attenzione degli altri. Camillo è assistito dal fratello Leone il cui unico scopo nella vita è accudirlo e ha la compagnia di un amico conosciuto in pellegrinaggio a Lourdes, Orlando, realmente paralizzato. I due amici, diversissimi fra loro, sono molto legati fino a quando la situazione si complica: Camillo speranzoso in un riavvicinamento con Vittoria, guarisce e all’insaputa dell’amico riprende a camminare, mentre Orlando inaspettatamente, s'innamora anch’egli della ragazza. Ma gli imprevisti non sono ancora finiti: Camillo per una battuta antifascista finisce in prigione dove resta due anni nuovamente paralizzato, mentre Vittoria lascia l’Italia per Parigi. Alla fine, contro ogni previsione, tutto si risolve: Camillo esce di prigione grazie all’aiuto dell’amico Orlando che è divenuto un pezzo grosso del partito fascista e non l'ha mai dimenticato. Finalmente libero e definitivamente guarito, il giovane raggiunge Vittoria a Parigi. L’amorel'ha curato e salvato.

Data di uscita:

1987