1971

Mitico spaghetti western con Trinità e Bambino, due fratelli banditi dal cuore tenero. Trinità scopre che Bambino si finge sceriffo di un villaggio ma in realtà mira a derubare un ricco proprietario di cavalli, il Maggiore. Il piano non va in porto perché Trinità coinvolge il fratello nella difesa di una pacifica comunità di allevatori vessata dal Maggiore e da una banda di razziatori messicani.

Lo chiamavano Trinità…

Mitico spaghetti western con Terence Hill e Bud Spencer. La ricetta è semplice: piatti di fagioli + scazzottate + tiri di pistola = divertimento assicurato. La colonna sonora di Franco Micalizzi fa il resto. Trinità e Bambino sono due banditi dal cuore tenero ma soprattutto sono due fratelli che litigano, addirittura si sparano, ma in fondo si vogliono bene. Trinità, è un pistolero pigro e scaltro che ama farsi trainare dal suo cavallo sdraiato su una lettiga, mentre Bambino, il burbero fratello, è un abile ladro di cavalli e un pistolero professionista chiamato “la mano sinistra del diavolo”. Trinità giunto in un villaggio scopre che Bambino si finge lo sceriffo mentre attende i suoi uomini per derubare un ricco proprietario di cavalli, il Maggiore. Quest’ultimo è impegnato a vessare, insieme ad una banda di razziatori messicani, una comunità di allevatori mormoni. Lo scopo è cacciarli dal loro territorio per poterne usufruire come pascolo per le sue mandrie di cavalli. Ma non ha fatto i conti con Trinità, che invaghitosi di due belle ragazze della pacifica comunità, è pronto a difendere i mormoni insieme a Bambino che non sopporta i prepotenti. Seguono botte da orbi dove i fratelli le danno e i cattivi le prendono senza mai farsi davvero male, fino alla vittoria definitiva della comunità religiosa che oltre alla terra si tiene i cavalli del Maggiore. I nostri banditi gentiluomini rimangono a bocca asciutta.

Data di uscita:

1971