1987

Comicità e umorismo nella memorabile commedia surreale di Troisi e Benigni. 1984 Frittole, Firenze. Saverio, maestro elementare, e Mario, bidello, vengono inspiegabilmente catapultati nel 1492. Da qui una serie di avventure e gag esilaranti quali la stesura della lettera a Savonarola, il passaggio della dogana e la chiacchierata con Leonardo Da Vinci sulle invenzioni del ‘900.

Non ci resta che piangere

Comicità e umorismo nella commedia surreale scritta, diretta e interpretata dalla coppia Troisi-Benigni, un incontro irripetibile di talenti dal quale scaturisce un film che offre gag esilaranti. Due amici, il maestro elementare Saverio e il bidello Mario, per non aspettare in macchina un passaggio a livello sempre chiuso, cercano una strada alternativa, vengono sorpresi da un temporale e chiedono ospitalità per la notte in una fattoria. Il giorno dopo si svegliano inspiegabilmente nel “1492 quasi 1500”. Superato il primo momento di spaesamento, tentano goffamente di assumere l'abbigliamento, il linguaggio e le usanze dell’epoca e si trovano coinvolti in situazioni incredibili, quali il pretore che profetizza la morte a Mario, la stesura di una lettera a Savonarola e Mario che diventa cantante e compositore per la conquista della damigella più ricca del paese. Ad un certo punto a Saverio viene l'idea - visto che è l'anno 1492 - di correre in Spagna a fermare Cristoforo Colombo, per impedirgli di scoprire l'America e salvare l’umanità, tra cui sua sorella Gabriellina, dagli americani. Nel tragitto incorrono in altre avventure, memorabili il passaggio della dogana e la chiacchierata con Leonardo Da Vinci sulle novità scientifiche del ‘900, per cui ritardano e arrivano a Palo dopo che Colombo è già salpato. A quel punto, spompati, s'apprestano a ritornare sui propri passi, quando avvertono lo sbuffare e lo sferragliare di una locomotiva. Speranzosi, si precipitano verso i binari, sicuri di esser riapprodati al secolo XX, ma dalla locomotiva si sporge compiaciuto Leonardo...che ha imparato la lezione. Veramente "non resta che piangere".

Data di uscita:

1987