1980

Una commedia fantasy, divertente e leggera, con Terence Hill in gran forma, colori sfavillanti, belle riprese di Miami e le musiche dei fratelli La Bionda. Colpito da radiazioni, un agente acquisisce dei superpoteri grazie ai quali sgomina una banda di falsari che su un peschereccio stampa banconote che smercia insieme ai pesci surgelati. Tra i superpoteri, le pallottole fermate con i denti.

Poliziotto superpiù

Una commedia fantasy, divertente e leggera, con Terence Hill in gran forma, colori sfavillanti, belle riprese di Miami con le palme e il mare sulle musiche allegre dei fratelli La Bionda. Il meticoloso e scattante agente Speed è alla quarta condanna a morte. Alle prime tre è riuscito a scampare. Ma come è possibile? E Soprattutto che cosa ha combinato? La voce fuori campo del protagonista ci racconta che, colpito da radiazioni dovute allo scoppio di un razzo, ha acquistato dei superpoteri: sposta gli oggetti, ha ‘percezioni’ ovvero predisce il futuro prossimo, salta dal ventesimo piano dei grattacieli, corre velocissimo, individua gli scippatori, sventa le rapine, blocca le pallottole con i denti, cammina sull’acqua e molto altro. Purtroppo questi poteri sono instabili perché vengono annullati dal colore rosso, lo stesso dell’esplosione che lo ha colpito. Il suo responsabile, il sergente Dunlop, e la sua ragazza inizialmente sono scettici, ma all’ennesima dimostrazione gli credono. Arriva dunque il momento per il super agente Speed di sfruttare le sue eccezionali capacità a fin di bene e sgominare una banda di falsari con a capo Torpedo il re dei surgelati. I malviventi stampano banconote su un peschereccio e le smerciano mettendole nella pancia dei pesci. L’operazione pianificata con cura da Speed tuttavia fallisce, perché il sergente Dunlop svela il piano a Rosy La Bouche, una cantante famosa di cui è innamorato, complice della gang. I delinquenti dunque, avvisati dell’ispezione sul peschereccio da parte della polizia, catturano il sergente a bordo dell’imbarcazione, lo chiudono nella cella frigorifera e lo fanno affondare insieme alla stamperia e ai soldi falsi. L’agente Speed invece, andato a chiamare i rinforzi, viene accusato di avere ucciso il suo superiore e di essere corrotto. Seguono l’arresto e la condanna alla sedia elettrica. Ed eccoci nuovamente alla scena iniziale del film e all’ultima esecuzione per il poliziotto. Sarà la volta buona? Ovviamente no! il super agente sfugge anche questa volta, recupera il collega ibernato nella cella frigorifera in fondo al mare e incastra Mister Torpedo e Rosy La Bouche proprio mentre stavano scappando in aereo. Segue il finale degno di un Supereroe!

Data di uscita:

1980