1997

“E Giacomino si sposa!” Debutto al cinema del trio comico, un viaggio on the road da Milano a Gallipoli per il matrimonio di Giacomo con la figlia dell’odioso datore di lavoro dei tre. Seguono improbabili peripezie e l’incontro con Marina che cambierà le loro vite. Da segnalare gli sketch con la gamba/opera d’arte e gli omaggi al cinema con le citazioni nei corti su mafia, neorealismo e Dracula.

Tre uomini e una gamba

“E così domani ti sposi” “Sì ma… niente di serio!”. Grandi risate e qualche riflessione con il debutto cinematografico del trio comico milanese, un entusiasmante viaggio on the road pieno di situazioni improbabili e gag da gustare. I tre attraversano l’Italia da Milano a Gallipoli per il matrimonio di Giacomo con l’ultima figlia dell’odioso proprietario della ferramenta in cui lavorano (Aldo e Giovanni sono già maritati con le altre figlie). In auto trasportano una gamba di legno, opera d’arte contemporanea di grande valore del suocero e anche il suo cane bulldog, ringhioso come il suo padrone. Nel tragitto ovviamente succede di tutto: accidentalmente il cane muore e viene sostituito con un bastardino malconcio; la macchina viene tamponata da Chiara, di cui Giacomo si innamora perdutamente; ed infine la gamba cade in un fiume e viene recuperata da un gruppo di marocchini. Da qui i memorabili tentativi di riprendersela, prima con una partita di calcio, Italia contro Marocco, poi con un tentativo di furto con indosso delle maschere di politici italiani. Alla fine, dopo che Chiara li ha salutati, arrivano a destinazione. E qui il gran finale: le avventure degli ultimi giorni hanno fatto riflettere i tre amici sulla loro condizione e giunti faccia a faccia con l'odiato suocero, lasciano la gamba e si danno alla fuga verso la libertà. Da segnalare, oltre ai numerosi sketch memorabili, l’omaggio ai generi del cinema con i tre corti inseriti all’interno della pellicola: un gangster movie sulla mafia, una storia fittizia che si rifà al neorealismo italiano e un horror movie sul conte Dracula. Divertentissimi.

Data di uscita:

1997